Insieme saremo più forti
Camera di Commercio e Industria della Repubblica Ciuvascia
   Pagina principale  RU EN DE FR ES EO 華文  

// CIUVASCIA / STORIA


STORIA

Clicca sull  Ingrandire
 
Clicca sull  Ingrandire
 
Clicca sull  Ingrandire
 
Clicca sull  Ingrandire
 
Clicca sull  Ingrandire
 
Clicca sull  Ingrandire
 
Clicca sull  Ingrandire
 
Clicca sull  Ingrandire
 
Clicca sull  Ingrandire
 
Clicca sull  Ingrandire
 

I ciuvasci sono una delle numerose nazionalità della Russia. Per popolazione assoluta i ciuvasci occupano il quinto posto in Russia, dopo di russi, ucraini, tartari e baschiri. Attualmente, nella Russia europea quello ciuvascio e’ l’unico popolo di origine turca che confessa la religione cristiano ortodossa.

Gli antenati dei ciuvasci erano le tribù seminomade degli antichi bulgari e suvari che vissero a cavallo tra il V ed il VIII sec. nel Caucaso del Nord. Tra i sec. VII e VIII una parte dei bulgari migrò nei Balcani mentre l’altra raggiunse la regione del medio Volga costituendo la base etnica dei ciuvasci e dei tartari di Kazan. La formazione della nazionalità ciuvascia crebbe sulla popolazione rurale bulgare che non si islamizzò, divenendo popolazione di frontiera nei sec. XV-XVI tra il Principato di Mosca e il Canato de Kazán. Nel 1551 i ciuvasci si sono integrati con la Russia.

Ci sono tre gruppi etnografici ciuvasci: alto-ciuvasci (virial), che vivono nelle regioni del del nord e del nord-ovest della Repubblica, basso- ciuvasci (anatrí) – nel sud e fuori della Ciuvascia, mediobasso-ciuvasci (anat enchí) – nelle regioni centrali ne nel nord-est. La lingua ciuvascia ha due dialetti mutualmente intellegibili: alto e basso.

La Ciuvascia moderna è una repubblica sovrana parte della Federazione Russa. Nella Russia zarista il territorio dell’attuale Ciuvascia era incluso nella Provincia di Kazan e in quella di Simbirsk. Il 24 giugno 1920 fu fondata la Regione Autonoma Ciuvascia, che nel 1925 fu trasformata nella Republica Socialista Sovietica Autonoma Ciuvascia e nel 1992, in Repubblica Ciuvascia. Dal 26 diciembre 1993 la Republica è retta da un governo presidenzialista.

L’emblema della Ciuvascia rappresenta uno scudo eraldico giallo, al cui centro sta un “albero della vita”, di color pporpora, simbolo non solo di rinascita, ma anche dei popoli della terra ciuvascia. Dalla “tierra” porpora sorgono “i tronchi” e “i rami” dei ciuvasci etnici che vivino nella loro terra natale. Dalla linea parallela a questo campo “campo” crescono i “rami” dei ciuvasci etnici che vivono fuori dalla Repubblica. A coronamento “albero della vita” ci sono i “rami” degli altri popoli e nazioni che vivono nel territorio della Ciuvascia moderna. L’anticolo emblema ciuvascio dei “tre soli”, che simboleggia la trinità del tempo – il Passato, il Presente e il Futuro –, campeggia lo scudo eraldico, inquadrato infine da una fascia con la scritta in oro “Chavash Respublikí”.

Versione stampabile

CENTRO DI INNOVAZIONE | CENTRO SUBCONTRACTING | CENTRO DELLE LINGUE STRANIERE | ARTIGIANATO ARTISTICO DELLA CIUVASCIA

Copyright © 2000-2008 Camera di Commercio e Industria della Repubblica Ciuvascia.
Russia, 428029, citta di Ceboksary, pr.I.Iakovleva, 4/2.
Tel. +7-8352-709-161 Fax. +7-8352-709-190
E-mail: